Discepoli-Barbiero, “An Eclipse of Images”: la recensione

Discepoli-Barbiero, “An Eclipse of Images”: la recensione

Uscirà il 15 settembre il nuovo album di Massimo Discepoli (batteria, elettronica) e Daniel Barbiero (contrabbasso), intitolato An Eclipse Of Images. I sette articolati brani sono ibridi, meticolosamente costruiti, di elementi acustici ed elettronici, sia composti sia improvvisati. Contrabbasso e batteria definiscono figure melodiche e ritmiche su sfondo ambient, costituito da tessiture elettroniche.

Discepoli-Barbiero traccia per traccia

La prima traccia Autopoiesis ci introduce in un mondo fluido e acquatico. A staccarsi fin da subito dal paradigma liquido sono i gemiti del contrabbasso, a cui si aggiunge la batteria nella seconda parte del pezzo. An eclipse of images Gathering in passa invece a modi leggermente più guizzanti, benché registrati nelle ottave basse.

The occulted measure si muove nell’oscurità, affidando la propria guida al drumming. Multiple horizons si presenta come molto minacciosa, con un incombere a orizzonti non troppo lontani. Ma le minacce rimangono inespresse, e le nubi si addensano in un cielo ambient che non si trasforma in tempesta. An eclipse of images Atopos parte in maniera molto minimal, quasi da esercizio preparatorio. Ma il discorso si arricchisce presto di un background ricco, piuttosto morbido, avvolgente ma non privo di insidie.

Transparency and its shadow passa ad ambienti più appuntiti, anche se i movimenti principali sono avvertibili soprattutto negli angoli più oscuri del brano. The Stream Under Consciousness chiude il disco riportando il discorso in un terreno più affine al jazz, con qualche caratteristica impro.

Il lavoro di Barbiero e Discepoli si distende in tutta la propria completezza, appagando l’ascoltatore con note scelte in modo accurato e idee centellinate con attenzione. Il disco è basato non soltanto sul dialogo fra i due, ma anche dal rapporto tra primo piano e sfondi, sempre mutevoli e cangianti. Un album riuscito, che vale la pena di assaporare con attenzione.

Se ti piacciono Discepoli-Barbiero assaggia anche: Altaj

Rispondi