Plunk Extend: il video di “Blu” chiude l’esperienza di “Prisma” #TRAKOFTHEDAY

plunk extend

Un disco di cinque tracce e per ciascun brano un videoclip. E’ questo il progetto portato avanti dai Plunk Extend per Prisma, lavoro uscito a dicembre 2014 che è stato accompagnato sino a oggi da una controparte visuale realizzata dai videomaker Michele Vairo, Claudio Roveda e Francesca Manuele. L’ultima creazione è Blu, un clip a firma di Francesca Manuele che vede la partecipazione degli attori Andrea Pellizzoni e Stefano Besana.

Il soggetto di Blu – racconta Francesca Manuele – è nato spontaneamente, dalle parole della canzone. Una stanza, metafora della mente, ed un ragazzo al quale bastano pochi metri quadrati per viaggiare. Tutti i videoclip ispirati a Prisma hanno raccontato di un percorso, la rincorsa di un qualcosa: per Rosso il piacere, per Nero l’oblio, per Bianco il prossimo, per Verde la fine e l’inizio. In Blu si ripercorrono tutti citandoli e non si cerca niente, si viaggia senza una meta, ignari d’incontrare se stessi alla fine… Blu nasce con l’intento di essere il finale di Prisma e l’inizio di tutto. Non volevamo fosse il più importante, volevamo solo dare un senso e allo stesso tempo chiudere quest’avventura. Due anni fa usciva Rosso e non sapevamo ancora sarebbe stato il primo libro che il protagonista di Blu avrebbe scritto.

Dopo “Rosso”, “Nero”, “Bianco” e “Verde”, Blu è l’atto conclusivo di Prisma, lavoro di soli cinque brani – ciascuno intitolato come un colore – che i Plunk Extend considerano come un disco a tutti gli effetti, nella forma di un concept album dove i colori sono una metafora per raccontare storie dal carattere esistenziale, accomunate da un desiderio di fuga e di rifiuto della realtà così come è.

Rispondi