Si chiama Faber Nostrum ed è indubbiamente un’operazione meritoria: cominciamo con il mettere le cose