Lo chiamano Dap, per abbreviare quel cognome, “D’Apolito”, che sicuramente gli avrà reso la vita