Un’operazione di recupero, rilettura e riassaporamento: gli GnuQuartet hanno preso cinque classici di band progressive