Il secondo disco di Francesco Motta è un gioco di sensazioni a cui non