Archivi categoria : Recensione

Keaton, “Keaton”: la recensione

Dopo la pubblicazione di un ep con il nome Basterd Keaton per Irma Records nel 2012, i Keaton hanno cambiato direzione: la formazione si sfoltisce, il nome si accorcia e il pop solare e scanzonato lascia spazio a sonorità più cupe e sintetiche. “Per tre anni abbiamo prodotto una quantità infinita di brani, remix e…
Per saperne di più

Estetica Noir, “Purity”: la recensione

Gli Estetica Noir sono una band innamorata del passato, che affonda le proprie radici all'interno dei pilastri del dark rock e della new wave più passionale (The Cure, Killing Joke, Nine Inch Nails) ma si apre anche a sonorità più moderne ed elettroniche. Il nuovo album si chiama Purity. Estetica Noir traccia per traccia Hallow's Trick,…
Per saperne di più

The Bronze Bananas, “The Bronze Bananas”: la recensione

The Bronze Bananas sono una band romagnola di quattro elementi (Giunx - Voce e chitarra, Flowers - Chitarra e cori, Nati - Basso e cori, JJ – Batteria) attiva dal 2014. Con un repertorio di musica inedita dai tratti 60s, ma con sonorità completamente originali, spaziano dal rock and roll al pop, dal beat al…
Per saperne di più

Virginia Waters, “Skinchanger”: la recensione

Una cospirazione che comprende la crew umbra di Jap Records (Wonder Vincent, Gattuzan e altri, tutti presenti come guest nel disco) più Quiver With Joy pubblica Skinchanger, disco firmato Virginia Waters. Le dieci tracce si reggono alla voce di Maria Teresa Tanzilli, deus ex machina della band. Virginia Waters traccia per traccia Si parte da…
Per saperne di più

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi