Lelio Morra: “Giganti” è il nuovo video #TRAKOFTHEDAY

Online il video di Giganti, il nuovo singolo di Lelio Morra.

Diretto da Nicholas Mottola e Corinne Barlocco e ambientato al Grand Hotel Cocumella di Sorrento - dove Lucio Dalla ha scritto Caruso -  il video proietta Lelio in una nuova luce e verso il suo nuovo immaginario, mostrando due personaggi legati da un filo ma che non si incontrano mai.

Giganti segna il ritorno alla musica di Lelio Morra e la prima anticipazione del suo album di debutto, in uscita più avanti nel corso del 2019.

In questa nuova avventura artistica, il cantautore napoletano di stanza a Milano si è fatto accompagnare da tre musicisti di alto calibro come Roberto Dellera (Afterhours, The Winstons), Lino Gitto (The Winstons) e Gianluca De Rubertis (Il Genio).

Così Lelio racconta la scrittura di GIGANTI, incisa su nastro ai Bach Studio di Toto Cutugno:
"È una canzone che custodisco da molto tempo: l’ho iniziata a scrivere a Milano l’estate di due anni fa, faceva un caldo assurdo. In quel periodo girava per la prima volta in radio una mia canzone, "Dedicato A Chi", ma la mia testa era altrove e pensavo a "Ogni Volta" di Vasco. Scrissi di getto due strofe e un ritornello. Sapevo di avere scritto qualcosa di vero ed importante per me. 

La gestazione poi è stata lunga... ed è stato un bene perché il tempo ha fatto crescere in me nuove consapevolezze e dalla prima stesura a oggi, a parte le strofe, la canzone è diventata un’altra. La svolta è avvenuta in studio a Napoli lo scorso inverno mentre, a lavoro sulle pre-produzioni con Stefano Bruno (produttore insieme a me e Lele Battista poi a Milano) suonavamo fissando il vinile di "Sgt. Pepper's" con fare ipnotico, tipo due carcerati con un calendario “evasivo” alla parete, ed è venuto fuori il riff di chitarra.

Da quel riff, misto al piano elettrico, nasce Giganti e un suono in bilico tra la nuova canzone italiana e gli anni '60, e che è servito da impronta per gli altri pezzi che ho scritto. Ho lavorato al brano senza ascoltare nient’altro che le mie sensazioni e quelle di pochi fidati. Se dicessi quante volte l’ho ascoltato potrei essere querelato”.

Pagina Facebook

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi