Barriga, “Insana voglia”: la recensione

Insana voglia è il debut album dei Barriga: prodotto da Pietro Paletti, il disco della band bresciana contiene dieci tracce raccontano con ironia, sincerità e lucidità la vita quotidiana dei ventenni anni ’00: paure, passioni, università, sesso, web.

Nonostante la loro giovane età, per i Barriga il debutto discografico non è soltanto un punto di partenza, ma anche il sigillo di un percorso di crescita musicale e personale tra concerti, viaggi ed esperienze. Tutto quello che fa parte della vita di quattro ragazzi che non pensano ancora a diventare adulti.

Barriga traccia per traccia

Si parte dal singolo Non puoi toccarmi sul web, carico di rock, elettricità e riferimenti social. Ritmi più rallentati, coretti “na na na” e aperture pop per Liberi davvero, con qualche pretesa di autoconsapevolezza incongrua per i vent’anni.

Contesto universitario per Fuori sede, dominata dai bassi e costruita su più livelli sonori. Voglio te evidenzia comportamenti non perfetti nei confronti della fidanzata, su un ritmo crescente e su idee che sembrano quelle di un’autocritica.

Siamo tra il vintage e l’invettiva in DJ, non prima e non ultima canzone che inveisce, anche se in modo divertente, nei confronti dell’omino che mette i dischi sul piatto.

Idee danzerecce e piuttosto sensuali quello di Animi vividi. Aria del tutto diversa quella con cui inizia Lo scemo,  che ha il mood della ballad, ma che poi si tramuta in un pezzo ricco d’ironia sulle piccole disgrazie della quotidianità.

C’è invece molta cattiveria che si scarica su Ti hanno mai detto, pezzo rancoroso e rock.

Più calma e melodia si trova in Alba delle occhiaie, che prevede il pianoforte a supporto della voce. Si chiude con un una parola di gentilezza e di serenità: Avete rotto i coglioni se la prende con l’indie italiano, soprattutto lato cantautorale, su toni sonori piuttosto robusti.

Quello dei Barriga è un buon esordio, con tratti agili, divertenti, molto spensierati ma senza che questo significhi una perdita di importanza per i dettagli. Il disco scivola via piacevolmente anche perché ha un suono che mischia contemporaneo e antico con una buona conoscenza dei propri mezzi.

Se ti piacciono i Barriga assaggia anche: Mamavegas

Pagina Facebook