Espana Circo Este, “Scienze della Maleducazione”: la recensione

espana circo esteSecondo disco per gli Espana Circo Este: ecco Scienze della Maleducazione. Dopo un’attività live pressoché incessante, che li ha visti protagonisti di oltre 200 date in un anno, tra cui la presenza al Lowlands Festival e live a fianco a nomi come Gogol Bordello o Manu Chao,
grazie a La revolucion dell’amor la band italo-argentina pubblica il nuovo disco per Garrincha Dischi.

Espana Circo Este traccia per traccia

Il disco si apre con la “maleducata” Lo Stomaco e il Bullone, che è già metà canto di rivolta e metà canzone ironica. Cenni di virtuosismo e contiguità maggiori con il sound latino per Mal Educaciòn, rapida e ricca di atmosfera. Molto più pacifica e un po’ Manu Chao Dammi un Beso, che però fa riferimenti anche alla canzone melodica tradizionale, seppur ritmata.

Il lato più punk della band fa il suo esordio all’interno del disco con Gabriel Pt.1, due minuti che si esprimono in una certa fluidità. La seconda parte del pezzo, Gabriel Pt. 2 appunto, vede anche il featuring di Teta Mona, in un’aria che stranamente rivela una calma apparente ma inquieta.

Una ballad strana e anticonvenzionale è Tango Kg, che si inserisce in viottoli bui. La Veterana al contrario passa a ritmi alti, mostrando lo scheletro di un groove particolarmente vivo, condito da un violino piuttosto acido. Nacchere e danze ispanico-tzigane completano il panorama.

Propositi simpatici e gentili verso il vicinato aprono Bufera, ballata scarna ma condita dalla fisarmonica. La quale fisarmonica anima anche i saltelli di Santa Maria, animata e accompagnata da un basso continuo elettrico minaccioso. Decima e ultima traccia Cara Vaticana, dal testo curioso (ma c’è da farci l’abitudine) e dall’aggressività progressiva, con drumming variegato.

L’esperienza dal vivo ha irrobustito anche le capacità in studio degli Espana Circo Este (succede spesso e non è un caso). Le canzoni hanno maggiore sostanza e varietà, le idee trovano applicazioni migliori e il disco convince da tutti i punti di vista, anche chi non è vicinissimo al genere praticato (tipo chi scrive).

Se ti piacciono gli Espana Circo Este assaggia anche: La Suerte