In June: “Work in Progress” in anteprima esclusiva su TRAKS

In anteprima esclusiva, TRAKS oggi ospita Work in Progress, il nuovo lyric video degli In June. Il singolo della band anticipa l’ep Collapse in uscita nei prossimi mesi.

Il video firmato da Chiara Ceccaioni inizia con i tre volti che si alternano davanti alla camera. In un movimento frenetico, confuso e irrequieto, le persone non si incontrano mai. Sono sole, con i loro pensieri e i loro movimenti agitati. Intanto le parole sono in primo piano, si stagliano sulle immagini, dando corpo a quelle sensazioni che scaturiscono dai flash di luce, dalle scie che lasciano i corpi che nonostante si muovano velocemente, sembra che lascino una traccia abbastanza intensa da rimanere nell’inquadratura per un po’.

La psichedelia dei movimenti sembra contrastare con il colore verde che dovrebbe scaturire nell’occhio di chi guarda un senso di armonia, equilibrio tra il corpo e l’io emotivo. L’occhio non fa fatica a individuarlo ma, nonostante la scelta cromatica riposante, i movimenti e le parole riescono a trasformarla in una scena che richiede uno sforzo, una lotta, per cercare di catturare qualcosa dell’immagine che possa risolvere il mistero alla base di queste sensazioni, di questa agitazione, di queste azioni sconclusionate. Un lavoro che resta a metà, di cui non vediamo mai il quadro completo. 

Finché non arriviamo alla fine del video, quando i tre componenti si incontrano finalmente davanti all’obiettivo, per un attimo, cantano insieme le parole della canzone. “Work in progress, but it never progresses”. Sembra un momento di unione: e lo è. Dura poco però, perché nel finale Dan si ritrova a cantare da sola, con le ombre dei suoi compagni di band ancora percettibili sulla scena. Il verde si trasforma quasi in un blu che sta a simboleggiare la solitudine e la tristezza, che alla fine però sembrano entrare in armonia e in contatto con l’emotività di chi canta, creando una sorta di rassegnazione al dolore resa più dolce dalla presenza, per quanto breve, di chi si ama, della band. 

Gli In June sono Daniela ‘Dan’ Mariti (voce e chitarra), Mara Graziano (batteria) e Pierpaolo Iulianello (basso). Si formano nel giugno del 2018 a Roma, dove iniziano a lavorare su brani originali mentre affinano le proprie capacità live sui palchi migliori della capitale e non. Nel 2020 pubblicano i primi tre singoli Years, After Midnight e Home accompagnati da tre video pubblicati su Vevo.

I tre singoli vengono poi seguiti dal loro ep di esordio Common Grounds uscito nell’ottobre del 2021. Tra esperienze live nazionali e internazionali, come Sofar Sounds a Madrid e la rassegna Retape di Ernesto Assante all’Auditorium Parco della Musica a Roma, riconoscimenti ed esperienze formanti, gli In June sono tornati in studio nel 2023 per rilasciare il nuovo singolo.

In June, “Work in progress” – il testo

It’s calling out 

For me 

Going outside 

Was never easy 

Got some friends 

But they’re made of clay 

God can’t even remember your name 

Collapsing in a river of disgrace 

These walls can’t even hear a word you’re saying  

Call it what you want 

It’s not a joke, it’s not a joke 

Alone as you are 

You are no wolf 

You are no wolf 

Ivy growing 

On the scaffolds of my healing 

Work in progress 

But it never progresses 

Taking roots 

Making beds 

Austin is far 

But it’s never enough 

All this doubt is dust under the rug 

Collapsing in a river of disgrace 

These walls can’t even hear a word you’re saying  

Call it what you want 

It’s not a joke, it’s not a joke 

Alone as you are 

You are no wolf 

You are no wolf 

If these colors don’t exist they’re on our minds Why are we even trying? 

Trying 

(Work in progress but it never progresses) Trying 

(Work in progress but it never progresses) Trying 

(Work in progress but it never progresses) Trying 

(Work in progress)  

Call it what you want 

It’s not a joke, it’s not a joke 

Alone as you are 

You are no wolf 

You are no wolf

Pagina Instagram In June