Vale & The Varlet, “Believer”: recensione e streaming


Valeria Sturba (OoopopoiooO, John De Leo) e Valentina Paggio (Duodeno) sono Vale & The Varlet e Believer è il loro primo disco: canzoni minimal pop, con l’ausilio di tastiere giocattolo, violini, theremin, minisynth, drum pad, percussioni ed effettistica in quantità. Tra gli ospiti Vincenzo Vasi (Vinicio Capossela, OoopopoiooO).

Vale & The Varlet traccia per traccia

Si parte con I Forgot the Belgium, storia di ubriachezza e curiosità varie, tra cui una citazione esplicita del Bolero di Ravel, che serve in modo piuttosto efficace a preparare il terreno per l'alt-pop di cui si ammanta tutto il resto del disco. Oh Love Me invece cerca di sparigliare le carte, indossando i vestiti della canzone piano e voce old style.

Sunday Morning riporta alla mente il classico dei Velvet Underground, ma solo per questioni di omonimia: qui la realtà è molto più acida e contrastata, tra archi impazziti. Pianoforte e ancora archi per una molto più dolce ma leggermente ambigua Alejandro, con Luca Savorani come ospite e con un finale molto "antico" ed enfatico.

Slight Story si muove più o meno su sonorità simili, ma l'atmosfera è più seria, almeno a tratti. Believer, la traccia del titolo, disperde la sua malinconia di fondo in discorsi per lo più elettronici, con un drumming semplice e marcato. Please Help Me si incunea nell'album grazie al cantato sottile e sempre a un passo dalla parodia. Temporali in corso in Bobe, prima che il cielo si rassereni e lasci spazio a una canzone caratterizzata da strani sospiri ma anche da sonorità molto morbide.

Qualche memoria di Björk in Technomg, molto "virata" in senso elettronico e molto impegnata a costruire un background tecnologico e inquietante al brano. Storie di fantasmi, o almeno così potrebbe sembrare, in Minnie, tra vecchi merletti e nuovi synth. La chiusura, con Vincenzo Vasi, è un'imprevedibile blues-gospel con Only a Man. E forse è giusto così.

Strampalato, curioso, stupefacente e scarsamente prevedibile: scegli tu l'aggettivo che preferisci appiccicare al disco di Vale & The Varlet. Ma se ti piacciono le sorprese, gli agguati dietro l'angolo, i trabocchetti sonori, questo è il disco giusto per te.

Se ti piacciono Vale & The Varlet assaggia anche: Bottega Glitzer

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi