Yo Sbraito: anteprima streaming del nuovo disco!

In anteprima streaming, TRAKS ti propone Secondo aspettative altre, il nuovo degli Yo Sbraito. A due anni di distanza dal loro primo album, la band marchigiana ripropone le proprie drammatiche visioni del mondo, condensate in dieci pezzi per un totale di dieci minuti su per giù. Un blitzkrieg screamo/hardcore che lascia l’ascoltatore per lo più basito.

Yo Sbraito traccia per traccia

Ventotto secondi di Fosforo aprono il disco, mettendo in evidenza già tutta la forza d’impatto che i dieci pezzi del disco avranno. Laida si allunga quasi fino al minuto, permettendo al muro di suono iniziale di lasciare qualche variante alla fine. A picco sul male invece si permette qualche “pausa” all’interno, proponendo chitarre quasi metal.

Ci siamo fatti male mette ancora le chitarre in evidenza, utilizzando un fluire più liquido del pezzo. Meritiamo il peggio prende una strada diversa, affidandosi a ritmi molto più contenuti e a un’intro sostanzialmente hard rock, quasi nostalgica. Dopo la rapida e incendiaria Malae, ecco Non si ha abbastanza tempo mai, che ha un andamento ritmico più ondivago.

Pagine di memoria alza di nuovo il livello dello scontro, ma si fonda su un flusso sonoro che funziona a ondate. Si “rallenta”, per così dire, nell’incipit de La fame dà coraggio, che subito però riprendere a rollare a piena velocità. Solido intenso nulla è la chiusura, quasi sinfonica, per un disco che non lascia molte speranze in un futuro migliore.

La volontà di distruzione degli Yo Sbraito è talmente intensa da essere quasi dolorosa. Il disco è veloce e bruciante, senza compromessi e senza code, fatto per incidersi sulla pelle. Come sempre in generi così estremi, ci sarà chi lo amerà, ci sarà chi lo odierà, ci sarà chi non ne sopporterà l’esistenza. Ma è un disco interessante e, se ascoltato senza pregiudizi, può regalare sensazioni “positive”, almeno a livello catartico.

Se ti piacciono gli Yo Sbraito assaggia anche: The Mild