Alle prese con similitudini e concetti di uguaglianza, i Canova pubblicano il nuovo singolo, Tutti uguali.

Canova, “Tutti uguali” – il testo

Ci sono delle cose che non conosco
Ci sono delle cose che mi tengo nascosto
Ci sono cose che mi fanno paura
Ma non per questo non questo non esco la sera
Ci sono cose che mi fanno arrabbiare
L’inquinamento, la mia vita sociale
Ci sono cose che mi fanno pensare
Che poi alla fine siamo tutti uguali

Ci sono delle volte che mi sento migliore, altre debole come un fiore
E siamo divorati dalle nostre paure, dai nostri amori, quanto siamo cafoni
Ci sono volte che non capisco, che mi sento come un cane a spasso
Che se bevo ancora un po’ e collasso
E poi mi sento proprio come lei!

Siamo umani, siamo schiavi, siamo tutti uguali
Pesci nella corrente diretti nel mare!
Siamo umani, siamo bravi solo a farci male
Persi nella corrente siamo tutti uguali

C’è un coccodrillo… che è uguale a un gatto
C’è un abitante dello spazio… che è uguale a un cigno
C’è una tigre in metropolitana… con a fianco una zanzara
Con un pungiglione in bocca… che mi dice siete tutti uguali
Tutti uguali… come lei!

Siamo umani, siamo schiavi, siamo tutti uguali
Pesci nella corrente diretti nel mare!
Siamo umani, siamo bravi solo a farci male
Persi nella corrente siamo tutti uguali

Non farmi male
Se dici che hai paura non farmi male
Qui non c’è da respirare e non farmi male
Non farmi male
Farmi male, farmi male

Papapapapa

Siamo umani, siamo schiavi, siamo tutti uguali
Persi nella corrente siamo tutti uguali

Pagina Facebook