Gbresci, “Codici”: recensione e streaming dell’Ep

Codici è l’ep di debutto del collettivo Gbresci, in uscita per UMA Records. Ai già pubblicati Niente (feat. Adelasia), Codici e Pharma, l’ep aggiunge gli inediti Marciapiede, Surkov e Dejavu: tre nuovi capitoli del progetto ideato da Niccolò Barca ed Edoardo Baroni, costruito sull’incontro tra chitarre post-grunge e beat e synth presi in prestito dall’elettronica.

Codici è un ep nato e cresciuto durante il lockdown, dal sound acido, con testi graffianti, angoscianti e disperati, ma che cedono ogni tanto ad una fievole speranza, visibile solo a chi ha il coraggio di cercarla. L’intreccio di questi elementi dà vita a uno scenario post-darkwave, in cui Gbresci trova il suo DNA musicale.

Gbresci traccia per traccia

La prima immersione in oscurità è quella di Codici, title track acida e pessimista con parentele elettroniche, hip hop e trap. Mescolate in modo da ottenere un impasto urticante e autobiografico, in un mondo che è solo alcolici e prospettive funeste.

Altre ubriacature e chitarre elettriche minacciose quelle di Marciapiedi. Una caduta di faccia, forse non del tutto metaforica, che si consuma sotto un cielo tempestoso, per raccontare “un carnevale di sbagli”.

Barman o Pharma (o altre opzioni anche peggiori) quelle che si pongono poi, in un brano palesemente drammatico, frammentario e spezzato dalla tensione interna.

Trucchi e altri inganni, per lo più sintetici, quelli che emergono da Surkov, un po’ meno ombrosa ma senza abbassare i volumi. Ma si torna subito all’oscuro con Dejavu, altro pezzo che sa di darkwave.

Si chiude con la voce di Adelasia che apre Niente, ultimo episodio di nichilismo elettronico, con qualche accenno di fioritura sonora. Ma sono fiori del male, con tutta evidenza.

Miscela di grande impatto, si diceva, quella sonora ma anche testuale fornita dai Gbresci, che con grande padronanza viaggiano sul filo tra suoni dark e a volte palesemente rock e un’attitudine molto più vicina alla trap, sempre con una narrazione oscura che tiene insieme i due mondi.

Genere musicale: post punk

Se ti piacciono i Gbresci ascolta anche: Truemantic

Pagina Instagram Gbresci