C’è Mondo Marcio che ti scruta dalla cover di #incontrixsingoli, la playlist che ti dà modo di riappiccicare i pezzetti del tuo cuore infranto (come da nuovo logo) così potrai trovare finalmente qualcuno che te lo spezzi di nuovo.

Mondo Marcio, “Adderall”

Me lo ricordavo più arrabbiato, Mondo Marcio, che invece torna un po’ innamorato con Adderall, anche se dovrebbe essere “solo un po’ sesso/non un possesso”.

Questa quarantena mi ha costretto a guardare lati di me che non avevo mai preso in considerazione prima. Ho messo in discussione tutte le mie dipendenze, a cominciare da quelle personali. Scrivere per guarire è sempre stata la mia terapia.”

Giallorenzo, “Don Boscow”

Nuova uscita in casa La Tempesta Dischi: il secondo singolo dei Giallorenzo, intitolato  Don Boscow. Il gruppo, nato dall’unione tra la band dei Malkovic e il cantautore bergamasco montag, anticipa l’uscita del primo ep della nuova formazione. Don Boscow parla di malinconia, di sensazioni che non trovano facilmente spiegazione, di sentirsi fuoriposto. Il racconto è dedicato a un pazzo che si aggira per Milano, in un supermarket, e con annunci improbabili chiama alla casa Don Bosco e Florinda Bolkan.

Adelasia, “Acqua”

Si cambia completamente atmosfera, facendo un salto nel mondo sommerso di Adelasia e della sua Acqua che passa sotto i ponti. Autrice dal respiro internazionale, si dedica a un pop sofisticato e dal le atmosfere malinconiche.

“Acqua è un racconto fotografico, la descrizione dei momenti di tranquillità in cui ti perdi nei pensieri e nei ricordi. Volevo restituire in musica quel misto tra felicità e tristezza che ti avvolge pensando a bei momenti passati: sei triste che siano passati, ma sei felice di averli vissuti e sei consapevole che ne verranno altri altrettanto belli. Acqua è un ossimoro, un’allegra tristezza.”

Piro, “Vodkaredbull”

Piro racconta un approccio romantico nella sua nuova Vodkaredbull, scritta durante il periodo di clausura durante il lockdown. Una canzone allegra, finalmente un po’ spensierata, che fa venir voglia di uscire, anche se poi non necessariamente andrà tutto bene.

“È come quando vai a una serata dance anni ‘90 e fissi una sconosciuta, pensando alle proposte più assurde che potresti farle. Intanto continui a bere vodkaredbull, che ti sveglia e ti stordisce allo stesso tempo. Ovviamente torni a casa senza averle neanche rivolto la parola.”

L’ennesimo, “Free Drink”

Si resta in tema alcolico con Free Drink, il nuovo pezzo dell’artista calabrese L’ennesimo. Il brano segue Freddo Cane, inserito nella playlist Scuola Indie di Spotify. Nonostante le apparenze, le bevute c’entrano poco: il pezzo parla d’amore, di speranza di trovare una via d’uscita da un posto in cui non ci si sente a casa.

“Sintetizzatori lunghi come strade, bassi distorti, una batteria frenetica che esplode all’inizio del brano per poi lasciarci e riprenderci, avanti e indietro, in modo sincopato e deciso”.

Gionathan, “Corro e basta”

Corro e basta è il nuovo singolo di Gionathan, con un po’ di funkettino, un po’ di ironia, un po’ di questo e un po’ di quello. La cosa curiosa del singolo comunque è un’altra: il nuovo singolo di Gionathan infatti si evolverà con il tempo; ogni tre settimane uscirà in una veste musicale completamente diversa dalle altre.

Libertini, “Come quando esce il sole”

Libertini pubblica Come quando esce il sole, nuovo singolo in uscita per Visory Records, distribuito da Believe. Cantautore romano (un altro?) Ha visto il suo singolo prodotto da Gabriele Fossataro e Paolo Mari, in arte Niagara e Polare. In arrivo un ep, di cui Come quando esce il sole è il primo estratto.

Garda 1990, “Difetti”

Un po’ di cori, una certa dose di rumore, rimpianti e minacce di impazzire: il quadretto dipinto dai Garda 1990 è questo qui, prendere o lasciare. Il nuovo singolo è Difetti.

Difetti parla di essere semplicemente se stessi, basta ipocrisie, basta filtri sui propri sentimenti che ci rendono solo più vulnerabili. Sentirsi soli è la consapevolezza di quello che siamo diventati, che si ripropone in copia nella società d’oggi”.

Luca Di Maio, “Aspettami”

Un sacco di elettronica e di suoni tribali arricchiscono Aspettami, il nuovo singolo del cantautore Luca Di Maio.

Composto e registrato durante la quarantena a casa ad Amsterdam, dove il musicista si è trasferito nel frattempo, il brano si avvale della co-produzione a distanza di Sergio Salvi (Delaporte), mentre il missaggio è stato affidato a Fabrizio Somma aka K-Conjog.

Sativa Rose, “Ti annoi”

Parla di una ragazza che si annoia ma continua a illustrarla con copertine piuttosto esplicite Sativa Rose, che nella nuova Ti annoi inizia gazzelloso e poi si trasforma in Alberto Camerini (o giù di lì).

“Ti annoi parla di quelle storie nate a un bivio, che non riescono a sopravvivere durante il passaggio all’età adulta. È la nostalgia dell’adolescenza e delle scelte governate dallo stomaco; è il lunatismo di chi non sa ancora bene cosa vuole e attraversa i momenti belli e quelli brutti con la stessa intensità d’animo; esperienze fatte di incoscienza, di sostanze, di serate, di locali. Ti annoi è l’euforia iniziale che travolge le storie che si basano sull’attrazione e sulla complicità, senza sviluppare anticorpi contro la quotidianità, le ansie e le incertezze. È la storia di quello che poteva essere, ma non è stato.”