Monrad: streaming, intervista e recensione

[bandcamp width=100% height=100 album=1261814679 size=small bgcol=ffffff linkcol=0687f5] Nato e cresciuto nelle Fiandre, Monrad le ha lasciate per iniziare un viaggio di quindici anni che lo ha fatto finalmente sbarcare in un piccolo villaggio italiano sulle colline pre-appenniniche. Molte ore e sessioni serali più tardi, insieme a Filip Tanghe (registrazione e live engineering Balthazar, Warhaus), ha deciso di registrare il suo primo ep omonimo.

Atmosferico e stratificato musicalmente, Monrad canta le emozioni quotidiane, i piccoli piaceri, l'ansia e la felicità visti attraverso gli occhi di un quarantenne.

Puoi raccontare la storia che ti ha portato dal Belgio alle colline pre-appenniniche?

È un mix di lavoro, avventura e amore che mi ha portato in giro. Non è possibile tracciare una linea diretta dal Belgio all'Italia. Mi sono trasferito verso i venticinque anni negli Stati Uniti per lavoro e ho vissuto a Boston per diversi anni. E 'stato bello essere lì, scoprire il paese, seguire le elezioni di Barack Obama da vicino e vedere tutte queste grandi band che sono passate per Boston nel loro tour americano.

Per un breve periodo sono tornato in Belgio, ma è stato l'amore che finalmente mi ha portato in Italia. Mia moglie è italiana, ed è stato un passo logico per me venire in Italia. Entrambi abbiamo trovato un lavoro in Emilia Romagna e ci siamo sistemati in collina per goderci gli splendidi Appennini, ottimo cibo e calda ospitalità italiana.

Le canzoni dell'ep hanno sapori diversi e forse ispirazione diversa. Come hai lavorato all'ep?

Sì, hai perfettamente ragione, c'è un po' di diversità nelle canzoni. Alcune di esse riflettono un periodo dell'anno scorso che è stato difficile per me in molti aspetti, mentre in altre canzoni puoi sentire chiaramente quando mi sono sentito più a mio agio. Abbiamo deciso di mantenere la diversità in quanto è uno specchio emotivo del 2018 per me.

Il mio modo di lavorare è iniziare con una linea di chitarra (il più delle volte trovo queste righe molto tardi la sera), che vado a registrare nella mia stanza della musica e a cui aggiungo la batteria. Quindi vengono aggiunte più linee di chitarra insieme ai midi. Scrivo molto testo ovunque io sia e scrivo le parole che mi piacciono. Frasi e parole che hanno senso con la musica creata portano i testi delle canzoni.

Lo stile delle tue canzoni sembra influenzato dalla new wave e dai grandi cantautori. Chi sono i tuoi punti di riferimento musicali?

C'è un po 'di diversità nel mio gusto musicale, che va dai Queen of the Stone Age a Michael Jackson agli Hot Snakes. Tuttavia, ci sono state alcune band specifiche che mi hanno recentemente toccato e forse influenzato.

• Trixie Whitley
• Eels
• Nick Drake
• Hope Sandoval & The Warm Inventions
• Warhaus
• Unknown mortal orchestra
• Charlotte Gainsbourg

Cosa ne pensi della musica italiana?

Ci sono alcuni grandi cantautori in Italia, come Lucio Dalla, Fabrizio De André e alcune band molto popolari, come i Subsonica, che mi piacciono. Sono sicuro che ci siano tonnellate di grandi e talentuose band italiane in giro. Tuttavia, non è sempre molto facile vederli dal vivo, o trovarli e quindi scoprirli. In Belgio, c'è una tradizione di concorsi rock, concerti nei pub locali e festival estivi in ​​cui hai l'opportunità di scoprire band giovani e talentuose. Ciò rende la scoperta molto più facile.

Infatti qui per questo c'è TRAKS... Solo per curiosità: niente foto sul tuo profilo Facebook ufficiale, la copertina dell'ep solo disegno geometrico ... Odi foto e selfie?

No, non proprio, non penso sia così importante che io sia visibile ovunque. Sarebbe bello se la musica e le parole parlassero da sole... Tutti quelli che ascoltano possono entrare nel mio mondo senza dover vedere la mia faccia 😊.

Monrad traccia per traccia

L'apertura è quella di Time Taker, canzone cantautorale ma con sonorità da rock alternativo e con influenze anglosassoni, con in più una vocalità profonda che rende il tutto più interessante.

Un'aura di new wave (zona Japan) e anche degli archi si distendono su Tacid Dreams, quasi rappata e molto oscura.

Altri ritmi e altri mood per Jumpstart, che viaggia veloce e agile lungo percorsi molto diretti e quasi pop. Se non fosse per quella voce.

Anything Goes torna nell'oscurità per farsi cantare in modo quasi compiacente. Si chiude con una ritmata Habits, con un drumming pesante e atmosfere evocative.

Un esordio interessante per Monrad, che la vita ha portato ad acquisire esperienze e consapevolezza sufficienti da rendere molto interessanti canzoni che già di base possedevano tempra e spirito.

Genere: cantautore

Se ti piace Monrad assaggia anche: Oscar di Mondogemello

Pagina Facebook

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi