Oggi siamo qui per presentarvi Tiziano Torri, giovanissimo cantautore e studente universitario che ha da poco esordito con un brano tutto dedicato all’amore inteso nella sua totalità, comprensivo di tutte le sue sfumature: Aeroplani. Per l’occasione, l’abbiamo invitato a rispondere a qualche domanda #senzacontesto.

Ciao! Questa sarà un’intervista un po’ atipica: ti verrà chiesto di elencare e commentare cinque cose. Cominciamo:

Il disco che ti ha fatto innamorare della musica

Emozioni di Lucio Battisti. Mi ricordo che ascoltavo le canzoni che contiene, da bambino, in macchina quando mia mamma portava me e mio fratello al mare.

Il film che riguarderesti all’infinito senza mai stancarti

Le pagine della nostra vita. Un film secondo me senza tempo, dove viene descritto un amore coinvolgente che non lascia spazio a parole superflue.

La canzone che ascoltavi più spesso da bambino

Rosso Relativo di Tiziano Ferro. Ascoltavo questa canzone davanti alla televisione e la cantavo e ballavo, non so perché, magari avere lo stesso nome di un grande cantante mi rendeva orgoglioso.

Quel libro di cui continui a rimandare la lettura

Il nome della rosa di Umberto Eco. Lo rimando dal tempo del liceo, non so bene per quale motivo.

Una foto senza nessun tipo di contesto

Pagina Facebook Tiziano Torri
Pagina Instagram Tiziano Torri