Collasso: “Se ci vedessero gli alieni” è il nuovo singolo

Se ci vedessero gli alieni è il nuovo singolo di Collasso disponibile su Spotify e tutte le principali piattaforme streaming per RAMO distribuito da Artist First.

Collasso è il progetto musicale milanese nato dall’incontro tra Giuliano Vozella (chitarrista, cantautore e produttore) e Stefano Costantini (trombettista), uniti dall’esigenza reciproca di raccontare le tematiche attuali del nostro Paese. La loro peculiarità è quella di avere al loro fianco una serie di musicisti, cantanti e autori sempre diversi.

Il vocabolario musicale, da cui attinge il progetto, parte dal beat-making alternative hip-hop e arriva alle sonorità sinfoniche unite da versi rap e ritornelli melodici, frutto del background dei due protagonisti: Giuliano, pugliese, 4 album da solista songwriter alle spalle e diverse collaborazioni sia in studio che in live con progetti che spaziano dal pop all’hip hop e Stefano, romano, parte integrante degli Stag con i quali ha pubblicato 2 dischi e composto diverse colonne sonore nel mondo del cinema e del teatro. Il 22 novembre è uscito il singolo d’esordio, Scenario Cyberpunk, brano che parla di confini territoriali e dell'impatto che questi hanno sul pensiero di una società in cui xenofobia e razzismo sono in continua diffusione. 

Se ci vedessero gli alieni è il secondo singolo del progetto Collasso, che questa volta vede la collaborazione di HYST, attivo nella scena hip hop/rap italiana da oltre 20 anni, e di Livia Ferri, cantautrice romana con sonorità d'oltreoceano. Proprio come il singolo d’esordio, anche “Se ci vedessero gli alieni” affronta una tematica estremamente importante per tutti noi: quella relativa all’ambiente, che invece che esser protetto e valorizzato a partire da piccoli gesti, viene spesso maltrattato.

"Con questo brano vorremmo specificare che dovremmo iniziare seriamente a considerare le nostre azioni come responsabili di determinati avvenimenti. Se tuteliamo l'ambiente che viviamo quotidianamente senza girare la testa dall'altra parte ogni qual volta vediamo una bottiglietta di plastica in mare sarebbe un grande passo per tutti. Così come evitare tutte le confezioni o prodotti monouso. Solo piccoli esempi come potenziali azioni quotidiane, raccontate bene da persone influenti della storia dei giorni nostri, che dovremmo ascoltare per evitare il peggio. Non pensiamo che il futuro possa essere migliore con il suono di un cellulare in una conchiglia e sarebbe bello non doversi immaginare che dall'altra parte gli alieni possano vederci come dei loro tonti antenati."

Pagina Facebook

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi