Light Lead, “There”: recensione e streaming

There è il nuovo ep dei Light Lead: dopo aver movimentato e acceso l’interesse grazie all’approccio elegante e fluido alla new wave e a una serie di singoli sempre più interessanti, ecco il duo pronto a completare il disco. Quattro brani che ritraggono a tutto tondo ciò che sono e rappresentano, ma ancor più che cosa sono pronti a diventare, i Light Lead.  

L’ep, che affronta i temi dell’estraneità, quelli dell’intimità, del nomadismo e dell’incessante ricerca di un rifugio con cui armonizzarsi, risuona con il racconto della vita profondamente personale della cantante MIO. Avendo attraversato paesaggi diversi fin dall’infanzia, le sue esperienze costituiscono la spina dorsale emotiva dei testi, che catturano l’essenza della costante ricerca di un luogo a cui appartenere veramente.

Light Lead traccia per traccia

Con un movimento molto vibrante e a crescere, The Fight apre l’ep: un brano di pop internazionale a tutto tondo, con un suono curato e un fascino inequivocabile che sorge dal cantato.

A proposito di fascino, ecco tutto il manto dai colori scuri che cala grazie a Waiting to be away, quasi un tango sintetico che balla sopra tutte le proprie malinconie, con un’eleganza che conquista al primo battito.

Si parla di una perdita di comfort zone con Running, che ha tempi e modi ragionati, mettendo ancora più in evidenza le virtù del cantato.

A chiudere, ecco City of No Motion, lenta e coordinata su una profonda linea di basso, con qualche dissonanza a movimentare un percorso che altrimenti sarebbe pulito e rettilineo.

Tutto al posto giusto nel nuovo ep dei Light Lead: esperienza e consapevolezza fanno sì che il duo sappia esattamente dove mettere le mani, in canzoni che sono perfette per il mercato internazionale, ma che regalano sensazioni estremamente positive anche al di qua delle Alpi.

Genere musicale: synth pop, new wave

Se ti piacciono i Light Lead ascolta anche: Dang Dang

Pagina Instagram Light Lead