Mr.Dailom: ecco chi sono

E' in radio anche Chi sono, quarto singolo di Mr. Dailom, tratto dall'album Vita da Cane. Si tratta di un brano  autobiografico, uno story telling che racconta la vita dell'artista attraverso le immagini del suo passato. Lo abbiamo intervistato.

Ha affermato di essere molto legato a questo ultimo singolo, perché?

Chi sono senza dubbio è  il brano che racconta davvero la mia storia mi sento legato alle parole del testo, lo ritengo il pezzo più vero e sentito, nato dal mio cuore in modo del tutto sincero.

Il singolo precedente, “Meridionali” tocca un argomento particolarmente attuale, come è arrivata l’idea di questo brano?

Leggendo giornali e guardando alcuni talk show, mi sono reso conto che uno dei maggiori temi di dibattito attuali è il razzismo, provando a mettermi nei panni di coloro che vengono qui alla ricerca di un conforto o di una opportunità di vita, mi sono ricordato della nostra esperienza famigliare e del disagio che i miei nonni e i miei genitori hanno provato quando sono emigrati al nord.

Nel passato il razzismo in Italia era nei confronti dei meridionali, ma le nuove tendenze devono far riflettere poiché non si tratta soltanto di una mossa per ottenere più voti nelle campagne elettorali: negli anni ‘80/90 il male del nord erano i meridionali, nel 2019 i nordafricani.

Hai già pubblicato due album, quali sono le differenze tra di essi?

Sulle mie Gambe è  un disco più combattivo, in cui emerge un Dailom giovanissimo, con tanta voglia di combattere per ottenere un'opportunità, invece Vita da Cane è un disco più maturo e fondamentale per la mia carriera, con una maggiore  consapevolezza,  probabilmente ci sono de brani irripetibili per la mia discografia.

Come ti sei avvicinato al rap?

Negli anni di esplosione di Eminem e di 50 Cent ho scoperto di avere un gusto e un’inclinazione verso questo genere; la mia curiosità mi ha dato la possibilità di scoprire la cultura e il movimento hip hop in Italia, stimolato anche da Fabio Kaso (esponente del rap italiano e varesino), che considero il mio mentore.

Come definisci la tua musica?

La mia musica è vera, ma soprattutto responsabile,  mi esprimo liberamente, cercando di riflettere anche sulla responsabilità che un artista ha nei confronti dei suoi potenziali ascoltatori.

Non sopporto chi parla di droga  per attirare consensi, troppo facile crogiolarsi nel degrado: io invece voglio andare controcorrente professando  sentimenti e  valori troppo spesso dimenticati;  è una via più difficile, non riscuote certamente consensi immediati,  ma  sappiamo cosa è davvero giusto nel nostro cuore, anche se a volte ci dà fastidio sentirlo, purtroppo siamo più attratti dal proibito.

Come consideri attualmente la scena musicale italiana e, in particolare, il rap?

Secondo me  questo è il periodo più prolifico per il rap in Italia, è sotto gli occhi di tutti il fatto che la musica rap stia dominando le classifiche italiane.

Mi piace molto il fatto che il rap da qualche anno a questa parte, abbia portato una ventata d'aria fresca anche nella musica italiana, e che sia una conferma nel panorama della discografia; trovo interessante il fatto che nei dischi rap che sono usciti negli ultimi anni , ci sia proprio una diversificazione  e gli artisti che si sono distinti hanno uno stile unico e diverso l'uno dall'altro... il mercato è aperto.

E la musica trap?

Bisogna spiegare a tutti e dico a tutti che rap e trap non sono due cose diverse ma semplicemente cambiano i suoni e l'approccio vocale, questa cosa sarà difficile farla entrare nella testa di tutti.

A me piace molto la musica trap e non penso che non possa coesistere con il rap sarebbe come dire che il grunge e il metal non sono figli della stessa mamma... Diciamo pure che i giovani della trap hanno portato novità, molti sono finiti nel calderone un po' sopravvalutati, altri hanno conquistato un posto nel panorama musicale grazie a una capacità comunicativa unica, che risponde alle esigenze dei giovanissimi, anche le argomentazioni rispecchiano la realtà dei ragazzi di oggi, quindi niente da dire... Comunque io sono molto aperto al suono trap , l'ho dimostrato in parte nel mio ultimo disco e nel prossimo sentirete…

Mr. Dailom in futuro?

Più di un rapper, un artista in grado di esprimersi con la musica senza canoni di stile e di suono...

Pagina Facebook

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi