Archivi categoria : Recensione

Recensione: Gonzaga, “Tutto è guerra”

Dopo un ep, La manovra di Valsalva, che li ha portati ad aprire i concerti di un artista stimabile ma con cui hanno poco in comune, come Enzo Avitabile, il trio toscano Gonzaga pubblica Tutto è guerra, primo disco bellicoso. Le dodici tracce del primo album, registrato in presa diretta alle Officine Meccaniche di Milano…
Per saperne di più

Recensione: Pedro Navaja SoundMachine, “¡Grita la Noche!”

Si chiama ¡Grita la Noche! l'ultimo disco di Pedro Navaja SoundMachine, combo multietnico che arriva al secondo lavoro, autoprodotto come etichetta Pedro Navaja SoundMachine, mixato da Alessandro Nozza. Il disco è composto da dodici brani con alla voce principale la cantante cilena Paola Escobar, che dopo il disco ha proseguito il proprio percorso, lasciando il…
Per saperne di più

Recensione: Domenico Imperato, “Postura libera”

Vincitore del Premio De André 2014, Domenico Imperato arriva all'esordio su disco: il titolo dell'album è Postura libera. E mai come in questo caso "arriva" è la voce verbale corretta: nato nei pressi di Bari, cresciuto a Pescara, ha presto deciso che l'Adriatico è un po' troppo stretto, così si è spostato prima a Lisbona…
Per saperne di più

Recensione e streaming: Iceberg, “Meglio così”

"2008.due iceberg poi tre iceberg. inglese poi italiano. live live live. disco autoprodotto. live live live. 2014.falena dischi. 2015. meglio così". Se si diffonde questo modo di presentare le band, sarà l'estinzione per i comunicati e per gli uffici stampa. Comunque, traducendo: gli Iceberg nascono nel 2008, ed erano in due, poi si aggiunge un…
Per saperne di più

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi