È disponibile Dell’amore non so scrivere, il nuovo singolo del cantautore Michele Pavanello registrato insieme al pianista Paolo Lazzarini. Dell’amore non so scrivere è un brano dallo stile classico del cantautorato italiano, con un arrangiamento solo per voce e pianoforte che lascia spazio all’interpretazione e all’importanza del testo scritto da Pavanello.

“Dell’amore non so scrivere” fa riferimento alla strage silenziosa che si consuma da anni di fronte alle nostre coste. Come nasce?

Nasce dall’esigenza di prendere posizione, di dire con voce ferma che a questo gioco al massacro io non ci sto, che non voglio veder crescere i miei figli in un mondo in cui l’arroganza, l’intolleranza e la barbarie sembrano dilagare. E sono anche stanco di avere attorno persone che consumano il mio quotidiano confondendosi tra le amicizie e poi scoprire che accennano un sorriso all’incontro della frase “cibo per i pesci”.

Ci vuoi raccontare qualcosa sull’interazione con Paolo Lazzarini?

Paolo è un musicista e una persona meravigliosa; non so se in lui è più grande il talento o l’umanità. Suoniamo insieme già da parecchi anni e c’è la sua mano in tutte le ultime produzioni. Ricordo durante un concerto con la band, era arrivato il momento di una parte strumentale al pianoforte, Paolo ha suonato con una tale intensità che sia io che gli altri musicisti sul palco ci siamo letteralmente persi, non sapevamo più nemmeno a che punto eravamo, e così il pubblico, fantastico; poi ci siamo ripigliati.

In questo futuro nebuloso, quali sono i tuoi piani?

Ho due canzoni scritte da tempo, inizieremo a lavorare sugli arrangiamenti nelle prossime settimane e poi sulle riprese in studio; saranno due inediti che faranno parte di una raccolta che uscirà, spero, i primi mesi del 2021, e poi mi fermerò, credo ormai sia arrivato il momento.

Pagina Facebook