Typo Clan, “Venice Pitch”: recensione e streaming

Si chiama Venice Pitch il nuovo ep dei Typo Clan. Continua la sua ricerca sonora sempre volta alla sperimentazione, intrecciando l’hip hop con sonorità elettroniche/funky/neo-soul.

Typo Clan è progetto che nasce nell’autunno del 2015 dall’idea dei musicisti e producer bresciani  Daniel Pasotti e Manuel Bonetti. Un flusso sonoro difficile da definire ma ben riconoscibile, fresco e dal respiro internazionale, Il Clan è una delle realtà più interessanti della scena italiana, con artisti di riferimento come Gorillaz e Jungle.

Typo Clan traccia per traccia

Si parte con l’allusiva Suck My Oh, già presentata come singolo, fra riferimenti evidentemente black e interazioni vocali, per un’evoluzione soft ma multicolore.

Deal presenta dei ritmi più appuntiti, in un’atmosfera abbastanza princeana (con un pizzico del Beck di Midnite Vultures), con l’hip hop usato più che altro come sfondo.

Si svaria verso orizzonti un po’ più morbidi con Ready, sostanzialmente dub anche se con elementi che vanno in direzioni diverse. “Am I really ready to do this?”. Chiusura quasi gospel e molto soulful con una Outro ritmata e soft.

Un ep piacevole e interessante, quello di Typo Clan, con tante sensazioni mescolate in modo diverso. Si esce dal disco con un pizzico di curiosità su quello che potrà essere il prossimo lavoro “lungo” del duo.

Genere: alt-soul

Se ti piacciono i Typo Clan assaggia anche: North of Loreto

Pagina Facebook