Edwige: Milano è come il pranzo di Natale

E' uscito venerdì Dejasempre, il nuovo singolo di Edwige - cantautrice tra itpop e trap che dalla Sardegna si trasferisce a Milano e decide di raccontare la città a suo modo, fissandola nell'immagine di una ragazza vestita in un modo che è impossibile da dimenticare. Un nuovo brano intimo e personale che s'insinua in un genere popolare, ma con un certo distacco e sofferenza, che non è scontato ritrovare altrove. Abbiamo parlato un po' con lei.

Chi è Edwige, e in cosa si differenzia da Emanuela Mereu? 

Edwige è il lato più profondo di Emanuela Mereu. Emanuela Mereu, invece, cerca di riflettersi in Edwige con il lato più ironico. Quindi è come se ci fosse una relazione bidirezionale che si alimentano a vicenda. Edwige è sicuramente solo il lato artistico. Emanuela Mereu (lamereu) è incasinata persa, una studentessa di psicologia del marketing e comunicazione qualunque, sommersa dalle cose da fare, con mille progetti attivi.

Emanuela Mereu è improvvisazione: fotografa, fa video, fa la giornalista, gestisce tutti giù parterre, il suo team, organizza eventi e mille robe. (Mi sento in una condizione un po’ borderline, visto che sto parlando di due mie identità in terza persona ahahah).

E invece Dejasempre di cosa parla? E' un brano autobiografico?

Sì, è un brano autobiografico che rispecchia il mio modo di scrivere e raccontare i miei vissuti. In Dejasempre parlo di un incontro con una persona che è stata per me importante e di uno scontro con le mie emozioni, con me stessa, la tristezza e la grinta di ritrovarmi tutta sola in una grande città, come Milano.

Com'è Milano per chi è appena arrivato? Come dovrebbe essere?

Milano secondo me è bellissima. Quando arrivi, ti fa sentire come in un pranzo di Natale con i parenti, all’inizio vuoi scappare, per le tante persone che ci sono attorno, con le voci che si confondono, e alla fine ti riesci a concentrare soltanto con le persone e sulle voci che vuoi sentire. Che è un po’ la metafora che rispecchia Milano, per l’appunto, offre tantissime opportunità, tantissimi eventi, tantissime persone, quindi un po’ devi decidere da che parte stare.

Presenti il tuo progetto con i nomi di tre alcolici e ci commenti le tue scelte?

Amaro Montenegro: perché le cose che scrivo ti lasciano un po’ con l’amaro in bocca perché non sai come vanno a finire.

Gin Tonic: Per la grinta delle basi musicali che non deve mai mancare, come un Gin Tonic durante una serata.

Long Island: perché i miei testi ti danno quella botta di dolcezza che un po’ non ti aspetti.

Pagina Facebook

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi