Archivi categoria : Recensione

Recensione: Diverting Duo, “Desire”

I Diverting Duo sono una band con base a Cagliari: dopo due full-lenght e un ep arriva ora (anzi, il 27 ottobre) Desire, su DeAmbula Records e sulla norvegese Etch Wear. Otto le tracce di cui si compone questo terzo disco, da essi stessi editato e missato, e masterizzato da Carl Saff (Chicago): Sara Cappai…
Per saperne di più

Recensione e streaming: Il corso delle cose, “Come stai”

Su etichetta Seahorse e con distribuzione Audioglobe, tre anni dopo Domani ecco Come stai, il nuovo disco de Il corso delle cose. Il progetto di Ascanio Ciriaci, da solitario tramutatosi in band, come da tendenza ormai piuttosto consolidata anche nella musica italiana. Tommaso Lostia (chitarra) e Luca Benedetti (batteria) sono entrati a far parte del progetto…
Per saperne di più

Recensione: The Hangovers, “Different Plots”

Definiscono "grunge caraibico" (che è come dire "valzer africano" o "ska giapponese") il proprio suono, ma al di là delle definizioni The Hangovers, dopo svariate esperienze di vita e di musica live, arrivano al proprio esordio con Different Plots. Il disco del quartetto bolognese è caratterizzato da dieci canzoni, equamente distribuite tra testi italiani e…
Per saperne di più

Recensione: Gonzaga, “Tutto è guerra”

Dopo un ep, La manovra di Valsalva, che li ha portati ad aprire i concerti di un artista stimabile ma con cui hanno poco in comune, come Enzo Avitabile, il trio toscano Gonzaga pubblica Tutto è guerra, primo disco bellicoso. Le dodici tracce del primo album, registrato in presa diretta alle Officine Meccaniche di Milano…
Per saperne di più

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi