Archivi categoria : Sottotraccia

Si aprono le porte al progetto SOTTOTRACCIA, una rubrica che si collegherà sempre alla musica in qualche modo, ma che spalanca lo sguardo sul mondo cercando di sganciarsi dalle nuove uscite e da logiche di classifica. La destinazione di questo viaggio sarà perdersi nei pensieri, nei reticoli della mente, vedere dove si arriva lasciandosi trasportare.

L’idea di far diventare TRAKS qualcosa di più di un magazine musicale frulla nella testa della redazione da un po’, e la pandemia ha di sicuro lasciato spazio per cercare di creare al meglio questa nuova stanza, cercando di capire cosa tenere dentro, cosa buttare via, e in che modo disporre i contenuti al suo interno. Una sorta di potere del riordino, dove a uscire sistemati non saranno i vestiti, ma i pensieri. O forse saranno più confusi di prima? La sola cosa che sappiamo, ora più che mai, è che l’importante è non lasciarli fermi.

Musica dietro la maschera

Io con la mia bomba porto la novità/la bomba che debutta in società/al ballo mascherato della celebritàFabrizio De André, "Al ballo mascherato" C’è perfino un talent, e di solito quando la televisione arriva su una situazione, un fatto, un evento significa che è piuttosto conclamato. Sto parlando del fenomeno, ormai dilagante, dei cantanti, cantautori, cantautrici,…
Per saperne di più

Mark Lanegan, il fantasma che non voleva morire

“Piangere/smetti di piangere/ho diecimila lacrime che puoi prendere in prestito/seguimi giù/nel sottosuolo/e ti canterò una canzone di tristezza”Mark Lanegan, "Skeleton Key" Nella foto in alto, così piena di vita e allegria, c'è Mark Lanegan. Una delle colonne sulle quali poggia la musica indipendente americana e il songwriting internazionale da metà anni Ottanta in qua. Eppure.…
Per saperne di più

Concerti alla svedese

(Immagine in alto: quadro di Edward Hopper, "Platea, 2a fila a destra", 1927) "Eroe del mio inferno privato/Sei un giro di routine/Indossi il vuoto con classe/È tutto ciò che avrai/Perché quando il dolore è più grande/Poi non senti più/E per sentirmi vivo/Ti ucciderò/(...) Torneremo a scorrere".  Afterhours -  "Ci sono molti modi"    Qual è stato…
Per saperne di più

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi