Archivi categoria : Recensione

La Tarma: “4 pezzi facili”, la recensione

Si chiama 4 Pezzi Facili il nuovo lavoro discografico de la Tarma con la produzione artistica di Lele Battista, un anno e mezzo dopo il disco d’esordio Antitarma (QuiBaseLuna, 2014).  Si tratta di un ep di cover, quattro pezzi "tarmati", pescati nel profondo del repertorio italiano (e non) nell’arco di un ventennio dagli anni ’40…
Leggi tutto

Metallic Taste of Blood: “Doctoring the Dead”, la recensione

Incontro virtuoso, quello alla base dei Metallic Taste of Blood: a guidare il quartetto il compositore, chitarrista e produttore Italiano Eraldo Bernocchi (leader di Obake, Owls, cofondatore dei Sigillum-S e autore di storiche collaborazioni che spaziano da Bill Laswell a Harold Budd a Nils Petter Molvaer), con il bassista australiano Colin Edwin (storico componente dei…
Leggi tutto

Walamaghe: “Come i pesci”, la recensione

Dopo anni di collaborazioni, tra cui quella con Cisco, e dopo l'attività discografica con la indie rock band Rashomon, Kheyre Yusuf Abukar Issak ha deciso di dare vita alla sua creatura solista. Solista fino a un certo punto, visto che alla fine l'idea, che prende il nome Walamaghe, prende la forma di un quartetto, anche…
Leggi tutto

Kezia: “The Dirty Affair”, la recensione

Nascono a settembre 2013 i Kezia, trio con decise caratteristiche "power", che hanno pubblicato il proprio esordio su distanza "media" (lo chiamano ep, ma conta su ben otto tracce), cioè The Dirty Affair. Il loro sound mescola sonorità metal con la teatralità di certo progressive, soprattutto filtrato attraverso le lezioni di Queen, Rush, Dream Theater…
Leggi tutto

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi