Archivi categoria : Recensione

Giuseppe Fiori, “Spazi di vita scomodi”: la recensione

Spazi di vita scomodi è il primo, interessante album solista di Giuseppe Fiori, già bassista di Rezophonic e di Egokid, produttore, polistrumentista e speaker radiofonico. Il rock è indubbiamente alla base del progetto, espresso nelle sue molteplici sfumature, dagli anni '70 a oggi, che scorrendo si è  lasciato influenzare dalle tendenze delle principali band italiane…
Per saperne di più

Boda, “Songs: for a lovely soul”: la recensione

Boda è Daniele Rotella, chitarrista sia elettrico sia acustico. E’ il leader dei The Rust And The Fury, band rock perugina. Due dischi alle spalle con La Fame Dischi (il primo) e Woodworm Label (il secondo). Sotto il nome di Boda debutta con un album registrato in solitaria. “Parlare è come suonare. Suonare mi riesce…
Per saperne di più

Orfeo, “Arcadia”: la recensione

Orfeo, Federico Reale all’anagrafe, è un cantautore milanese al suo terzo lavoro da solista, uscito dopo tre anni dall’ep Sangue. Come il personaggio mitologico di cui ha deciso di prendere il nome, Orfeo riesce a creare con la sua musica un mondo alternativo, una sua Arcadia appunto, dove il desiderio di armonia tra uomo e…
Per saperne di più

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi